Vendere un Immobile
come vendere un ufficio a monza

Come vendere un ufficio a Monza (MB) in soli 58 giorni

Ecco come ho venduto velocemente un ufficio a Monza (MB). [CASO STUDIO]

In questo articolo ti spiegherò il mio modus operandi e la strategia che mi ha portato a vendere un ufficio a Monza in soli 58 giorni , alla prima telefonata ed al primo appuntamento.

Qualcuno mi odierà per questo articolo (mio padre) perché rivelo i miei segreti, ma mi auguro che anche qualche Cliente lo legga e magari mi contatti per vendere o affittare il suo immobile…😁😁😁

Acquisizione.

Il primo passo è sempre l’acquisizione: come ho acquisito questo immobile?  Tramite il passaparola di un mio Cliente a cui ho affittato un capannone.

Anche qui sono stato abbastanza veloce e bravo da trovare addirittura 2 potenziali clienti, ripagandomi la fiducia e meritandomi questa segnalazione.

Parlando con il proprietario dell’ufficio di Monza, al primo appuntamento, ho scoperto che l’immobile era già in vendita da più di 6 mesi mediante un collega che aveva portato a scadenza l’incarico senza aver effettuato neanche un appuntamento.

L’ufficio di circa 70 mq posizionato nel pieno centro di Monza e dotato di una buona presentabilità, era un buon immobile e in effetti mi sembrava al quanto strano che il collega non avesse effettuato neanche una visita.

Richiesta ed ottenuta la documentazione dell’immobile, si procede al passaggio successivo: la valutazione immobiliare .

Valutazione immobiliare.

Preparata la valutazione immobiliare e prima di consegnarla alla proprietà, ho voluto confrontarmi con alcuni Colleghi della zona per avere un loro parere sulle quotazioni.

Il confronto si è rivelato utile per avere la conferma che i valori da me stimati, erano perfettamente allineati al mercato locale.

Conclusa la valutazione, ne ho discusso con i  proprietari, i quali hanno accettato il prezzo di vendita da me consigliato senza troppe discussioni.

Preparate le carte, ho ritirato l’incarico di vendita in esclusiva.

Commercializzazione dell’immobile.

La presentazione dell’ufficio in vendita di Monza doveva essere d’impatto e per farlo, ho chiamato il mio fotografo di fiducia: Enrico Giudicianni (qui puoi leggere l’intervista rilasciata per il blog).

Insieme alla promozione online ed al servizio fotografico, ho inoltre aggiunto un rendering della planimetria dell’immobile ed un video promozionale.

Collaborazione con Colleghi.

Per amplificare al massimo la mia commercializzazione, ho chiesto poi l’appoggio a vari Colleghi che operavano in zona al fine di aumentare le possibilità di vendita dell’immobile fornendo loro del materiale per promuovere l’ufficio di Monza, anche sui loro siti web.

Contatto banca dati.

Come primo passo, ho contattato tutta la banca dati che cercava un ufficio in vendita a Monza e zone limitrofe; tra persone che avevano trovato, chi aveva sospeso ed altro, non ho trovato nessuno a cui poter far visionare l’immobile.

Il contatto doveva arrivare a questo punto, da una mia attività promozionale attiva (es. mailing) oppure passiva (es. annuncio immobiliare).

Studio di fattibilità.

Siccome l’ufficio era inserito in un complesso residenziale, ho valutato anche l’ipotesi di un cambio di trasformazione ad uso abitativo. Ero pronto ad incaricare un tecnico per lo studio di fattibilità, ma nel mentre è arrivata una telefonata con la quale ho fissato il primo appuntamento.

Telefonata.

Non appena sono rientrato in ufficio, ho ricontattato il Cliente che aveva visionato l’annuncio immobiliare dell’ufficio in vendita di Monza.

Il Cliente era già sufficientemente edotto a seguito delle molte informazioni che avevo scritto nell’annuncio immobiliare e quindi abbiamo subito concordato un appuntamento di vendita.

Appuntamento di Vendita.

All’appuntamento si è presentatata una coppia che abitava nel centro di Monza a circa 200 metri dall’ufficio in vendita ed era interessata all’acquisto in primis come forma di investimento e poi come sede per l’apertura di una nuova attività.

I Clienti sono rimasti piacevolmente colpiti ed hanno trovato l’immobile esattamente come si aspettavano di trovarlo.

Durante l’appuntamento, hanno fatto un’approfondita sulla valutazione degli spazi e su come avrebbero potuto adattarlo per le loro esigenze e dopo aver dato loro alcune indicazioni sugli eventuali costi legati all’acquisto, ci siamo salutati con l’impegno di risentirci dopo qualche giorno per un feedback in merito.

Ricontatto telefonico.

Dopo qualche giorno, in serata, ricevo una telefonata; era l’uomo della coppia il quale mi informava che erano interessati a formulare una proposta di acquisto con una controfferta sul prezzo di vendita richiesto.

Siccome la controfferta teneva conto anche dei costi di acquisto che avrebbero dovuto sostenere, per farli sentire più tranquilli , gli ho fatto pervenire un preventivo del nostro Notaio, in maniera da avere i costi precisi.

Preso atto del preventivo delle spese, i Clienti mi danno conferma dell’interesse a proseguire con la trattativa e quindi gli richiedo un incontro per formulare una proposta di acquisto.

Proposta di Acquisto.

Mi sono presentato alla proposta di acquisto in perfetto orario e con tutta la documentazione dell’immobile di cui ero in possesso e siccome i Clienti erano innanzitutto delle piacevolissime persone, abbiamo dialogato molto prima di entrare nel vivo del discorso.

Ho spiegato loro tutti i passaggi relativi all’acquisto e la strategia che avrei adottato in fase di accettazione vista la loro controfferta e l’idea della proprietà di non trattare troppo il prezzo.

La strategia era piuttosto semplice e di quelle che ultimamente funzionano bene: pochi, maledetti e subito.

I termini erano i seguenti: richiesta del 15% di sconto sul prezzo di vendita richiesto, nessun vincolo e chiusura entro 30 gg, dall’accettazione.

Conclusi l’appuntamento chiedendo se avessi potuto avere un paracadute nel caso in cui la proprietà avesse fatto un rilancio ed ottenni l’ok per un rialzo minimo.

Con la proposta ritirata ed un assegno di caparra di circa il 10%, ero pronto e carico per fare l’accettazione.

Accettazione della proposta di acquisto.

All’appuntamento di accettazione erano presenti tutte le persone che avevano potere decisionale per definire la chiusura della trattativa; ciò è molto importante perché bisogna sempre parlare con le persone che effettivamente decidono.

Mi hanno chiesto subito informazioni riguardo il Cliente che aveva formulato la proposta di acquisto.

Gliele ho date insieme alle condizioni della proposta ed anche al prezzo di acquisto offerto motivandolo, come era nella strategia, che con la loro accettazione avrebbero venduto l’ufficio senza se e senza ma.

Erano loro, ora, che dovevano dimostrarmi che volevano vendere l’ufficio.

Gli acquirenti erano davvero delle persone serie e motivate all’acquisto e questo i Proprietari l’avevano capito: l’occasione era troppo ghiotta per lasciarsela scappare.

Mi chiesero se c’erano margini per trovarsi ad una via di mezzo, ma io gli dissi che il rischio era alto e gliel’ho sconsigliato.

Siccome i proprietari avevano qualche spesuccia da sostenere per sistemare alcune situazioni di natura burocratica di loro spettanza in riferimento all’ufficio di Monza, concordai con loro solo un piccolo rilancio affinché entrambe le parti rimanessero soddisfatte.

Il piccolo rilancio ovviamente lo feci coincidere con la disponibilità che mi avevano dato gli acquirenti e così ottenni l’accettazione avendo di fatto in mano la chiusura della trattativa.

Concordai con i Proprietari un incontro al fine di spiegare alla parte acquirente quegli aspetti burocratici di cui si dovevano occupare i Proprietari.

All’incontro hanno partecipato entrambe le parti e ne ho approfittato per sistemare gli ultimi punti dell’affare e concluderlo.

Era il 58esimo dalla data dell’incarico di vendita.

Ho concluso l’affare con la prima telefonata ricevuta ed al primo appuntamento effettuato che insieme all’acquisizione ottenuta mediante passaparola, la fa entrare di diritto nella categoria delle vendite perfette.

Se hai bisogno del mio servizio, contattami.

Questo è un caso studio del mio modus operandi; se sei interessato alla vendita o locazione del tuo immobile per il business, scrivimi una mail, ma ricordati di controllare la mia zona operativa in quanto non opero su tutto il territorio nazionale.

CLICCA QUI PER CONTATTARMI

Load More Related Articles
Load More By Stefano Tronca
Load More In Vendere un Immobile

Cerca

About Me


Ciao, sono Stefano Tronca e sono un Agente Immobiliare. Aiuto gli Imprenditori, mediante la consulenza, a trovare, vendere e locare l’immobile per la propria Azienda. Lo faccio definendo una strategia, creata appositamente per il Cliente.

Iscriviti alla Newsletter

ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMUNITY!

Riceverai comodamente nella tua casella di posta elettronica i nuovi Articoli e non solo...;)

Odio lo SPAM quanto te. La tua email sarà tenuta al sicuro.