Agente Immobiliare, Agenzia Immobiliare
come non pagare la provvigione all'agenzia immobiliare

Come non pagare la provvigione all’Agenzia Immobiliare

Quello che non ti dirà mai un Agente Immobiliare…

Non so in quale condizione ora tu ti trovi ed il perché non vuoi pagare la provvigione all’Agenzia Immobiliare, ma immagino che sia più che altro un problema economico. Magari hai visto che l’immobile ce l’ha l’Agenzia Immobiliare oppure l’hai già visto e vuoi capire come puoi fare per metterti d’accordo direttamente con il proprietario, ecc…

In sostanza, vuoi sapere come non pagare le provvigioni all’Agenzia Immobiliare, giusto? Semplice, non andare da un’Agenzia Immobiliare!

Mi verrebbe da dire “Fine dell’Articolo”, ma vado avanti spiegandoti il motivo di tale affermazione.

Rischi inutili

Nel momento in cui capisci che la soluzione del tuo problema passa inevitabilmente dall’Agenzia Immobiliare, c’è poco da fare, ovvero rischi di fare tutto il lavoro scoprendo che alla fine la devi pagare comunque. Che senso ha?

D’altra parte, non c’è scritto da nessuna parte (almeno per adesso) che per vendere, affittare, acquistare o prendere in affitto un immobile, ci si debba rivolgere ad un’Agenzia Immobiliare.

Ma nel caso tu decida di farlo, non capisco perché tu non la debba pagare…

Non credo che tu sia una di quelle persone che va a comprare la carne dal macellaio con l’idea di non pagarla. Sai che acquisti un prodotto e lo devi pagare. Idem con i servizi. Non ti vendo un prodotto tangibile, ma bensì un servizio, ed in quanto tale richiedo una provvigione.

Ti stai rivolgendo ad un professionista ed in quanto tale devi pagare il servizio svolto; in qualità di Agente Immobiliare, ti vendo un servizio che non è diverso da quello che può dare un qualsiasi altro professionista. Cambia solo il tema: l’immobiliare anziché il legale, il fiscale, ecc…

Pagamento a buon esito dell’affare

Rientro nella categoria elitaria, se non addirittura l’unica, dei professionisti che vengono pagati solo al buon esito della trattativa. Tu faresti mai un’attività dove non sai se a fine mese prendi uno stipendio o più in generale, non sai se verrai mai pagato? Non credo…

Attenzione: non ti sto parlando di difficoltà di pagamenti, ma bensì di diritto o meno al pagamento, che sono due cose completamente diverse.

La mia sopravvivenza è in mano a persone che anche per un 1 Euro (è nella loro facoltà), possono compromettere il lavoro di mesi.

In conclusione, hai il diritto di non pagare la provvigione all’Agenzia Immobiliare, fino a quando l’Agenzia Immobiliare non ti comunica il buon esito dell’affare.

Io sono dalla tua parte e ti voglio aiutare 🙂

Quanto detto sopra è valido per l’aspetto professionale della mia attività, ma non è il solo ad entrare in gioco in un rapporto tra Cliente ed Agente Immobiliare.

L’altro aspetto è l’empatia; ti riporto quanto scrive Wikipedia sull’empatia:

L’empatia è la capacità di comprendere a pieno lo stato d’animo altrui, sia che si tratti di gioia, che di dolore. … Essa rappresenta, inoltre la capacità di un individuo di comprendere in modo immediato i pensieri e gli stati d’animo di un’altra persona. L’empatia è dunque un processo: essere con l’altro.

Affinché ti possa veramente aiutare a risolvere il tuo problema di natura immobiliare, è fondamentale che ti ascolti e comprenda al meglio le tue esigenze.

Dietro la vendita di un immobile, può capitare che ci sia l’emozione di una azienda di famiglia di storia secolare o di una casa dove si è nati e quindi la sola idea di doversi necessariamente separare è un colpo al cuore difficile da sopportare.

Io non posso essere insensibile di fronte a questo, ma nello stesso tempo, devo aiutarti a vedere le cose anche dal punto di vista oggettivo, affinché ti possa guidare nel fare una scelta, che sia la più corretta possibile. È molto importante avere qualcuno che ti dica cosa fare, per il tuo bene, nel momento in cui non hai le forze per prendere una decisione importante.

Risparmio economico

A meno che tu non sia del settore, purtroppo non hai le conoscenze adatte per affrontare i temi:

– tecnici
– legali
– commerciali
– fiscali (in parte)

che si andranno via via ad affrontare durante la vendita, l’affitto, ecc… di un immobile.

Per acquistare in tutta sicurezza, dovrai rivolgerti in ogni caso ad un singolo professionista per ogni tema, che paghi per stare tranquillo. La somma sarà sicuramente superiore a quanto può chiederti un Agente Immobiliare rispetto al lavoro svolto.

Nonostante ci siano comunque attività che non possiamo svolgere, potrai sempre contare sul tuo Agente Immobiliare di fiducia che può aiutarti nel limitare le spese da affrontare e magari segnalarti anche i migliori professionisti nel settore affinché tu sia sempre tranquillo del buon esito dell’affare.

La tua storia, scritta insieme

Devi percorrere un cammino (immobiliare) ed arrivi al famoso bivio; sta a te scegliere se avere una guida o meno durante il tuo percorso.

Lo sai anche tu quanto sia difficoltoso percorrere un cammino di cui si conosce poco o nulla. I rischi di sbagliare sono alti e potrei stare ore a raccontarti di quanto c’è di nobile nella professione che svolgo, potrei anche raccontarti storie vissute, ma a questo punto diventerei il protagonista di una storia che senza di te (il Cliente) non avrei mai scritto.

Raccontami la tua storia qui sotto nei commenti 🙂

Load More Related Articles
Load More By Stefano Tronca
Load More In Agente Immobiliare
  • Bellissimo articolo, scritto benissimo 🙂 E con ottima scelta delle parole in ogni senso (anche in chiave seo) 😉

    • Grazie Roberto! Detto poi da te, non può che far solo piacere. ☺️

  • Pingback: I 5 articoli più letti del 2015 (fino ad oggi) | Stefano Tronca()

  • Ivan

    Ciao Stefano,
    ti pongo un quesito,
    ho acquistato una casa tramite agenzia immobiliare,prima ancora della scelta della casa,avendone vista una che ci piaceva tanto ci era stato detto che la tenevano riservata per noi per una settimana in modo da non avere qualche altro concorrente e che ci avrebbero seguito con la documentazione fino al rogito,al momento della decisione che volevamo acquistarla ci è stato detto che un’altra persona ha già comprato quella casa e ha addirittura offerto 2 mila euro in più,ovviamente il tutto alla nostra insaputa. Alla fine abbiamo comprato la casa 3 mila euro in più (credo ci sia stato un giochetto per il rialzo del prezzo…)
    Fatto il preliminare con accordo del rogito fine dicembre 2015 ci siamo accorti (non prima per ignoranza ma dopo qualche giorno dalla firma) che manca l’agibilità ed altre carte ,(quelle che conoscevamo c’erano tutte e non sapevamo che per fare il mutuo serve l’agibilità) in tutto questo tempo circa 4 mesi l’agenzia non mi ha mai chiamato e non si è creata mai il problema di far avere l’agibilità dal proprietario e completare dei catasti con delle misurazioni che mancavano.
    Morale della favola,ho dovuto pagare un Geometra per poter fornirmi tutto quello che serve per il rogito .
    Ovviamente prima di assoldare il geometra,sono andato in agenzia dicendo che non ero per nulla seguito da loro e dovevo arrangiarmi per alcuni documenti (se era per loro non avrei neanche fatto la domanda di contributo prima casa che mi spettava) sono andato con l’intenzione di ritrattare i soldi della provvigione e mi ha negato ovviamente tutto.
    Se tu agenzia non adempi ai tuoi doveri come promesso io posso permettermi di non pagarti?
    Sinceramente è vero che ha fatto da tramite ma non ha rispettato un sacco di cose morali e non e se fosse per loro sarei ancora ad aspettare e molto probabilmente arrivavo al rogito senza metà delle carte.

    • Ciao Ivan! Mi dispiace innanzitutto della situazione imbarazzante in cui ti sei trovato.

      Non è sicuramente piacevole. Noi Agenti Immobiliari, abbiamo l’obbligo di seguire il cliente fino alla conclusione dell’affare che seppur per noi è il preliminare di vendita (il momento in cui le parti trovano l’accordo), per i clienti è sicuramente l’atto di rogito.

      Il lavoro di noi Agenti Immobiliari è quello di SEGUIRE le parti in tutto e per tutto; l’agibilità per esempio è FONDAMENTALE per la vendita di un immobile e quindi non puoi esimerti dal fornirla all’acquirente. Nel mio ufficio abbiamo inserito una responsabile back-office che si occupa di seguire le parti dall’accettazione della proposta fino all’atto notarile. È un servizio molto utile sia per le parti che per i notai, che si ritrovano a fare “una copia” (passami il termine) del nostro preliminare e a trasformarlo in atto di rogito, per quanto è fatto bene.

      Per quanto riguarda la tua domanda, direi che è il caso se lo reputi, di parlare con un legale al fine di valutare se ci sono gli estremi o meno di intentare una causa perché effettivamente, da come me lo hai raccontato tu, l’Agente Immobiliare non ha diritto alla provvigione solo per la semplice segnalazione, ma deve anche dimostrare che si è perfezionata la vendita mediante il suo intervento. Bisognerebbe quindi dare un’occhiata alle sentenze della cassazione (roba da legali).

      Non mi sento invece di commentare il lavoro svolto dal collega in quanto ognuno di noi è libero di interpretare la propria professione come meglio crede e di raccogliere quanto semina…

      Spero di esserti stato di aiuto e ti ringrazio del tuo commento.

      A presto,

      Stefano

      • Ivan

        Grazie per l’intervento,ottimo consiglio quello dell’avvocato,speriamo che non mi spenni!

  • harvey78

    Ciao, sto vendendo casa. Sia con alcune agenzia che da solo tramite siti.
    Ogni tanto mi chiamano delle agenzie immobiliari per voler far visionare la casa a loro clienti.
    Nel caso che venda la casa in questo metodo, devo pagare pure l’agenzia?
    In fin dei conti io non sono loro cliente…
    Non ho nulla in contrario a pagarla a quelli che me la promuovono, ma uno che trova il mio annuncio su internet ovviamente mi darebbe fastidio, visto che non gli ho dato nessun mandato

  • Martina Poles

    Ciao! Sono in cerca di una casa e TUTTE quelle presenti negli annunci in internet sono legate ad un’agenzia immobiliare, quindi sono obbligata a riferirmi a quest’ultime.
    Il problema fondamentale è che ci sono milioni di spese quando si deve acquistare la prima casa e con i risparmi che ho da parte, sono proprio le spese dell’agenzia (4500€) che mi impediscono di acquistare la casa, perché non si possono inserire nel mutuo.
    Non metto in dubbio che voi svolgete il vostro lavoro e avete diritto alla remunerazione ma se almeno ci fosse una possibilità di pagamento dilazionato e comunque qualche agevolazione magari non avrei visto il mio sogno di acquistare casa e formare una famiglia, infranto.

  • Martina Poles

    Grazie della risposta! Ti do del TU se non ti spiace, mi sembri una persona molto disponibile e che fa con passione il proprio lavoro, peccato però che non si trovano dappertutto, quindi vedrò cosa riesco a combinare con l’agenzia!

  • Pingback: I 10 articoli più letti, scritti nel 2015 | Stefano Tronca()

  • elena gagliardo

    Ciao, sto sul punto di acquistare casa e l’agenzia mi ha chiesto il 4% più iva … Mi sembra un furto!!! Esiste un modo per concordare una percentuale più bassa?

    • Buongiorno Elena, l’unico modo per concordare una percentuale più bassa è trattare con l’Agenzia Immobiliare. Purtroppo o per fortuna (dipende dai punti di vista) non esiste un tariffario e quindi ogni Agenzia Immobiliare applica la percentuale che meglio definisce il proprio valore professionale (o così almeno dovrebbe essere).

  • Pingback: Hai Firmato Un Foglio Di Visita Immobiliare? Niente Paura! | Stefano Tronca()

  • Laura84

    Una domanda: a Ottobre 2015 ho firmato con un agenzia contratto di mediazione immobiliare per la vendita del mio appartamento.
    Devo acquistare un nuovo appartamento a Dicembre 2016, e con il costruttore che mi venderà ho concordato che avrebbero tentato anche loro di vendere il mio appartamento (mettendolo sul loro sito), e ho concordato che se a Dicembre 2016 ancora non fosse stato venduto, lo avrebbero ritirato loro in permuta.

    All’agente ho chiaramente detto di questo accordo. Il contratto che mi ha portato da firmare (a Ottobre 2015) era di esclusiva, ma quando avevo fatto presente questa cosa mi aveva detto che il contratto era standard con scritto in esclusiva, ma che in caso il costruttore fosse riuscito a vendere non c’era nessun problema.
    L’agente non si è fatto più sentire né vedere per mesi, e non ha portato mai nessun potenziale acquirente.
    Ora il costruttore è riuscito a trovare un acquirente, e stiamo per concludere la vendita.
    Ho contattato l’agente, il quale si è innanzitutto giustificato per non essersi mai fatto vivo dicendo di avere avuto problemi di salute, dopodiché ha detto che comunque lui ha l’esclusiva e la vendita è sua. Dice che si ricorda di avere parlato della permuta, ma pare non ricordarsi (…) che avevamo parlato anche del fatto che il costruttore metteva in vendita l’appartamento e che non ci sarebbero stati problemi.
    Premesso che è stato un mio grosso errore firmare il contratto fidandomi della sua conferma verbale “che non ci sarebbero stati problemi in caso di vendita conclusa non da lui”, quello che vorrei sapere è:
    – ha diritto a richiedermi commissione?
    – potrebbe in qualche modo interferire con la vendita che sto concludendo?
    – potrebbe richiedere commissione agli acquirenti (non sa nemmeno chi siano visto che non li ha portati lui)?
    – c’è qualcosa che si può fare?
    Ringrazio in anticipo per la risposta.

    • Buonasera Laura. Senz’altro l’Agenzia Immobiliare può richiederti la penale prevista in caso di vendita tua diretta; è una clausola abbastanza standard presente in tutti gli incarichi di vendita. Come hai già sottolineato, sarebbe stato opportuno inserire questo accordo preso onde evitare il sorgere di problemi che poi a quanto pare si sono verificati.
      Interferire con la vendita no.
      Non può chiedere commissioni agli acquirenti in quanto non ha partecipato minimamente alla conclusione dell’affare nè ha segnalato il nominativo o fatto appuntamenti o comunque attività dimostrabili.
      A questo punto ti consiglio di parlarci, offrire di pagare la penale prevista e chiudere la questione.

      • Laura84

        Buongiorno Stefano, grazie per la risposta. Ho solo un dubbio: vedo che nel contratto c’è un punto che dice “se la vendita dovesse essere conclusa direttamente dal venditore o da un altro intermediario, competerà ugualmente al mediatore la provvigione”. E’ possibile quindi che richiedano il pagamento della provvigione pur non avendo effettivamente fatto nulla?

        • Si Laura. Tecnicamente è una penale pari al 100% della provvigione pattuita.

          • Laura84

            Ok grazie. Scusi se la disturbo ancora. Ma al pagamento della penale il contratto è definitivamente chiuso? Devo richiedere un documento a chiusura? Come posso essere sicura che non verranno in seguito alla futura vendita a richiedermi le provvigioni, oltre alla penale già pagata?

          • La fattura a pagamento della penale, che tra l’altro è anche esente IVA è già una chiusura dell’incarico di mediazione, ma se ti fa stare più tranquilla, magari fai aggiungere qualcosa in merito sulla stessa fattura.

          • Laura84

            Grazie per l’aiuto e per la pazienza.
            Buon lavoro.

  • Sabrina Mori

    Buongiorno Stefano, ho comprato casa tramite un’agenzia. Quando sono entrato non mi hanno potuto attaccare ne il gas ne la luce perché non.c’era nulla che fosse a norma. Oltre al fatto che le provvigioni le hanno volute per metà in nero (ed io ho acconsentito per abbattere la spesa dato che, ingenuamente, avevo firmato un foglio per le provvigioni che non mi ero accorto fossero così alte) posso chiedere di farmi.pagare questi lavori che sono stato.costretto a fare? (Io ne ero completamente ignaro) O rivolgermi direttamente alla guardia di finanza?
    Grazie

    • Buongiorno Sabrina.
      La casa viene comprata vista e piaciuta e quindi prima di acquistarla bisogna prestare attenzione a tutti i particolari. Sarebbe stato più corretto che questi particolari (probabilmente a conoscenza) venissero comunque fatti notare con più impeto (diciamo così).
      Ora non c’è più l’obbligo di allegare all’atto le certificazioni degli impianti e quindi tutto ciò che non è un vizio occulto, diventa difficile da giustificare dopo a meno che non venga messo per iscritto.

      Nella mia proposta di acquisto, per esempio, sono riportate le dichiarazioni del proprietario, tra cui se gli impianti sono a norma o meno.

      Se si dichiara il falso allora è un problema, in caso contrario con l’accettazione firmi che sei a conoscenza e quindi non si scappa…

      • Sabrina Mori

        Grazie molte.

        La Trovo molto competente, il che non è poco!

        Buon lavoro.

        Inviato da Outlook

        • Grazie mille Sabrina dei complimenti e buona giornata. 😀

  • Veronica Sepe

    Buonasera. Ho fatto una proposta non accettata dal proprietario. Ho rialzato e nulla. Poi l agenzia mi dice che comunque non si può comprare perché è un piano di zona con prezzo impostoe il proprietario non vuole vendere a così poco. . Passa qualche giorno e trovo l annuncio per conto mio su internet . Il proprietario non aveva rinnovato il contrattocon l agenzia. Ci dice che sta procedendo per lo svincolo del prezzo imposto e può vendere ad un prezzo da lui deciso. Ora mi chiedo , devo pagare l agenzia ?

  • antonio

    Buongiorno,ho una domanda : sto vendendo un immobile tramite agenzia immobiliare. E’ stata versata una caparra confirmatoria da parte del compratore e la data del rogito era fissata per Febbraio ma l’acquirente sta avendo problemi nel richiedere il mutuo ed e’ in ritardo di 4 mesi. Provvedero’ attraverso raccomandata a fissare una data di Rogito entro la quale non venendo rispettata, il contratto sara’ nullo trattenendo la caparra.
    L’agenzia in questo caso ha diritto alla provvigione?
    La ringrazio,

    • Buongiorno a te. Se la proposta è priva di delle clausole sospensive, il mancato rispetto della data del rogito comporta di fatto l’inadempienza contrattuale (vale per entrambe le parti); di conseguenza l’affare è concluso e l’Agenzia Immobiliare ha diritto alla mediazione.

  • antonio

    Buongiorno,ho una domanda : sto vendendo un immobile tramite agenzia immobiliare. E’ stata versata una caparra confirmatoria da parte del compratore e la data del rogito era fissata per Febbraio ma l’acquirente sta avendo problemi nel richiedere il mutuo ed e’ in ritardo di 4 mesi. Provvedero’ attraverso raccomandata a fissare una data di Rogito entro la quale non venendo rispettata, il contratto sara’ nullo trattenendo la caparra.
    L’agenzia in questo caso ha diritto alla provvigione?
    La ringrazio,

  • claudio

    buon giorno, vorrei porre un quesito:
    ho visionato un immobile semindipendente con un agente immobiliare, mi spiega cosa vendono, successivamente vengo contattato dalla parte venditrice, mi dicono che quello che vendono è completamente diverso da quello che mi ha spiegato l’agente, inoltre si tratta di piu eredi in successione e solo uno di questi ha avuto contatti anche se non ha firmato nulla con l’agenzia.
    morale mi propongono di dare 1000 euro ciascuno all’agente immobiliare giusto per evitare cause di diritto ecc da parte dell’agenzia.
    Contatto l’agente spiego la situazione dopo alcuni giorni lo risento, mi spiega di essere stato contattato dagli eredi e che si è sentito parecchio offeso.
    Comunque, io vorrei sapere come tutelarmi in quanto questi darebbero un contentino “sottobanco” ma io non voglio.
    Chi mi dice che questo poi non tenti anche di ottenere la provvigione, considerando che chi vende non ne vuole sapere dell’agenzia?

    • Buonasera Claudio!
      Mi hai anticipato di qualche giorno, infatti questa settimana uscirà giusto giusto un articolo su questo tema…
      Non voglio neanche esprimermi sul comportamento tenuto dai proprietari, ma invece voglio dare un consiglio a te che mi sembri una persona etica.
      Lascia stare ciò che ti dicono su ciò che spetta a te da pagare in quanto non è affar loro. L’immobile ti è stato proposto dall’Agenzia Immobiliare, giusto? E tramite l’Agenzia Immobiliare devi formulare la proposta di acquisto. Se quest’ultima, per assurdo, non volesse farsi pagare oppure vuole 100.000€ di provvigione (esagero e di parecchio) non è un problema loro, ma tuo.
      Poi sarà una questione dell’Agente Immobiliare farsi pagare le provvigioni dalla proprietà, ma a te questo non riguarda.

      A presto,

      Stefano

      • claudio

        Grazie Stefano, contatterò l’agenzia, saranno poi loro a spiegarmi come procedere, saluti.

  • Roby

    Buonasera,
    tramite un agenzia sono venuto a sapere che una ditta stava per costruire in una zona a me congeniale.
    Quando mi sono state fatte visionare le planimetrie, ho scoperto di conoscere il proprietario della ditta, poiché era in classe con mio fratello.
    Ora, dato che nessuno dell’agenzia ci ha messo in contatto, anche perche stiamo variando molte alternative, se noi decidessimo di contattare il costruttore autonomamente, e magari acquistassimo l’immobile, saremmo ugualmente costretti a pagare la commissione all’agenzia?
    Grazie

    • Buongiorno Roby.
      Tecnicamente no, ma eticamente sì. Mi spiego meglio. L’aver ricevuto informazioni dall’Agenzia Immobiliare è un’accettazione tacita del voler utilizzare i servizi offerti dalla stessa, ma la non conclusione dell’affare non ti obbliga a riconoscere la provvigione.
      Quindi la domanda che dovresti porti è la seguente: “Se non fosse stato per l’Agenzia Immobiliare, avrei mai saputo del cantiere?” A te l’ardua sentenza.

      A presto,

      Stefano

  • simona

    buongiorno,noi abbiamo dato la casa ad un agenzia e abbiamo un mandato ke scade a Gennaio 2017 stipulato a gennaio 2016…Fino ad ora l’agenzia ci ha portato solo 3 clienti.Mi è stato detto che ha mandato mail a tantissime agenzie della zona ma provando a kiamare nessuno ha casa mia tra le proposte…La provvigione è di 3500 euro,e se decidessi di non vendere piu con lei sarebbe 2800…Mi era stato detto ke mi avrebbe preparato tutto quello ke aveva fatto xmettermi a conoscenza del lavoro svolto ma ancora niente.Cosa devo fare?…se rinunciassi con una motivazione di salute(reale) del marito?cambierebbe qualcosa?grazie millle

    • Buongiorno Simona.

      Ti rispondo per punti:

      – rispetto al fatto che l’Agenzia Immobiliare ti ha portato pochi clienti, ti consiglio la lettura di questo articolo: http://stefanotronca.com/agenzia-immobiliare-non-porta-clienti/ ;
      – chiamali e fissa un appuntamento presso i loro uffici affinché ti consegnino un report dettagliato sul lavoro svolto così che tu possa verificare cosa stanno facendo per il tuo immobile;

      – il fatto che abbiano chiesto collaborazione e non hanno ottenuto riscontri può essere vero; a me capita spesso di non ottenere collaborazione da altri colleghi ed infatti mi sono creato un pool di Agenti Immobiliari con il quale ci scambiamo gli immobili;

      – il fatto che tu rinunci all’incarico per una motivazione reale e poi lo dai ad un’altra Agenzia Immobiliare potrebbe essere pericoloso. Personalmente andrei in fondo nelle verifiche con il lavoro svolto con questa Agenzia Immobiliare perché la mancanza dei riscontri potrebbe essere solo un problema di prezzo;

      – cambiare Agenzia Immobiliare non ti dà la certezza di ottenere la vendita.

      A presto,

      Stefano

  • Sparrows1981

    Scusi, ma con etico cosa intende esattamente: pagare il 4% più iva del valore di acquisto di un immobileper due figurine messe su internet?

    Io ho parlato con un notaio, gente serie è mi ha detto che il “Lavoro” dell’agenzia è perfettamente inutile, inquarto tutte le formalita: visure, contratto e naturalmente rogito sono perfettamente in grado di farlo i notai in autonomia e competenza, del resto è quello che accade nelle vendite tra privati.

    L’agente è quella figura che non ti fa dormire la notte, che ti mette l’ansia la fretta di acquistare, ti mette clausole del tipo: in caso che la compravendita non va a buon fire sarà discrezione dell’agenzia restituire le somme impegnate/il compenso dovuto. Gente che ti dice che se non ottieni il muto entro x giorni ti strappa il contratto e si tiene i soldi, gente che ti minaccia che se vincoli l’acquisto al mutuo, non ti da l’esclusiva e fa vedere la casa anche ad altri potenziali acquirenti. Alla luce di cio’ perchè io ti devo pagare agente? a questo punto io vado a parlare direttamente con il proprietario dell’immobile di interesse mediando la trattativa con un notaio. Tu non mi stai facilitando la compravendita me la stai complicando e rovinando la vita con l’ansia di non arrivare in tempo, di perdere i soldi.

  • Sparrows1981

    Scusi, ma con etico cosa intende esattamente: pagare il 4% più iva del valore di acquisto di un immobile per due figurine messe su internet?

    Io ho parlato con un notaio, gente serie è mi ha detto che il “Lavoro” dell’agenzia è perfettamente inutile, inquarto tutte le formalità: visure, contratto e naturalmente rogito sono perfettamente in grado di farlo i notai in autonomia e competenza, del resto è quello che accade nelle vendite tra privati.

    L’agente è quella figura che non ti fa dormire la notte, che ti mette l’ansia la fretta di acquistare, ti mette clausole del tipo: in caso che la compravendita non va a buon fine sarà discrezione dell’agenzia restituire le somme impegnate/il compenso dovuto. Gente che ti dice che se non ottieni il muto entro x giorni ti strappa il contratto e si tiene i soldi, gente che ti minaccia che se vincoli l’acquisto al mutuo, non ti dà l’esclusiva e fa vedere la casa anche ad altri potenziali acquirenti.

    Se io ti dico che voglio scrivere che rogito sarà effettuato quanto l’immobile sarà liberato, tu agente non mi dici che allora non se ne fa niente, perché caro il mio agente di mutui partiti con la promessa che poi l’inquilino se ne va ne è pieno il mondo, ci sono cause durate 20 anni ma a te che te ne frega una volta incassata la caparra.

    Alla luce di ciò perché io ti devo pagare agente? a questo punto io vado a parlare direttamente con il proprietario dell’immobile di interesse mediando la trattativa con un notaio. Tu non mi stai facilitando la compravendita me la stai complicando e rovinando la vita con l’ansia di non arrivare in tempo, di perdere i soldi.

    • Caro Sparrows1981, mi dispiace che tu abbia questa visione della figura dell’Agente Immobiliare.

      Nella maggior parte dei casi ciò deriva dalla pessima esperienza avuta con qualche collega; tuttavia in ogni Professione esiste una pecora nera, anche nel Notariato, non credere…

      Inoltre mi risulta difficile credere che un Notaio reputi il lavoro dell’Agente Immobiliare inutile visto che siamo noi, in buona parte, a passargli il lavoro. Più siamo bravi a preparare la pratica e meno lavoreranno loro. La mia esperienza con i Notai è più che ottima, sia dal punto di vista collaborativo che professionale.

      Comunque rispetto il tuo parere anche se non mi trovi d’accordo per ovvie ragioni.

      Buona domenica 😉

      Stefano

  • Ivan Boscolo

    Buongiorno un immobiliare mi ha mandato via mail un paio di appartameti che tratta, ne abbiamo visionato uno mentre un altro che è esposto da varie agenzie su vari siti immobiliari appartiene ad una persona che conosciamo, questo appartamento lo abbiamo visto spesso online quindi eravamo largamente a conoscenza dell’immobile stesso ma la domanda è, ora che tale agenzia mi ha inviato una mail vontente tale appartamento automaticamente mi vincola all’acquisto tramite la stessa o posso rivolgermi direttamente al venditores senza incorrere in provvigioni, in questo caso a mio avviso, non dovute, perché eventualmente dovrei pagare solo per aver ricevuto un volantinno via web? Premetto che per ignoranza non so se in agenzia sia necessaria la stipula di un contratto tra le parti o basta una telefonata per legarsi legalmente a tale agenzia e quindi dover versare provigioni per un lavoro in reata non svolto…
    Grazie
    Ivan

    • Buongiorno Ivan. 😉

      Se hai solo ricevuto un’e-mail non c’è alcun tipo di vincolo, ci mancherebbe. Al contrario, se lo avessi visionato sarebbe sorto “il problema”; infatti che tu scopra di conoscere o meno il proprietario, questo non ti autorizza a scavalcare l’Agenzia Immobiliare, ma ripeto per un’e-mail ricevuta puoi stare tranquillo.

      A presto,

      Stefano

  • Giacomo

    Salve, tempo fa ho visto su internet un annuncio di una casa in affitto con qualche foto e una piccola descrizione. Dopo mi sono rivolto all’agenzia per saperne di più e per visionare l’immobile. Fatto questo ho lasciato la caparra all’agente a titolo di cauzione per la locazione dell’abitazione. Ora vorrei sapere,ma io questa caparra la dovrei riavere indietro,giusto? Anche perche io ho solo chiesto di visionarla perche ho visto l’annuncio su internet,mica sono andato in agenzia e gli ho detto come volevo la casa ecc…

    • Buonasera Giacomo. Non mi è chiara una cosa…la cauzione gliel’hai lasciata solo per visionare la casa o perché hai intenzione di prenderla in affitto?

      • Giacomo

        Perché l ho presa in affitto

        • Ok, allora la cauzione viene trattenuta a copertura dei danni che potrebbero essere arrecati durante la locazione. Al termine del contratto deve esserti restituita maggiorata degli interessi legali. Prova a leggere il contratto e cerca la voce cauzione perché poi spesso subentrano accordi di tipo diverso.

          • Giacomo

            No,forse mi sono spiegato male..allora io sono andato al agenzia per saperne di più e dopo aver deciso di prenderla abbiamo fatto la proposta di conduzione immobiliare,lasciando una mensilità all agente come proposta per voler affittare l immobile. Fatto questo,mi hanno accettato la proposta è hanno chiesto altre 2 mensilità come cauzione e 1 mensilità come primo mese. Ma io quella Dell agente immobiliare non l ho ancora vista indietro

          • Solitamente per prendere in locazione un immobile sono richiesti: 3 mesi di canone anticipato (se trimestrale o 1 mese se mensile), 3 mesi di cauzione e l’assicurazione per il rischio locativo. Nel suo caso ha lasciato 1 mese a titolo di caparra per la proposta di locazione ed una volta che è stata accettata, si è trasformata in 1 mese di cauzione al quale vanno aggiunti gli altri due mesi richiesti ed il mese anticipato. Per scrupolo, dovrebbe solo informarsi che il mese dato all’Agenzia, sia stato effettivamente consegnato al locatore come 1/3 della cauzione.

  • Bryan Bailey

    BUONGIORNO STEFANO HO VISTO UN APP CON AGENZIA DOVE PRIMA MI DICE CHE APP LIBERO MESE DI LUGLIO DOPO FIRMATO CONTRATTO E LASCIATO CAPARRA 550 EURO MI CHIAMA E MI DICE CHE APP SI LIBERA A OTTOBRE E CHE LA CAPARRA SE LA PRENDE PROPRIETARIA ADESSO AGENZIA VUOLE ANCHE PENALE 500 DA ME A COSA VADO IN CONTRO SONO SENZA LAVORO GRAZIE

    • Ciao Bryan. Non ho capito bene: tu stai prendendo in affitto un appartamento e l’hai bloccato con una caparra. L’appartamento si liberava a luglio. L’appartamento invece si libera ad ottobre e ti hanno trattenuto la caparra come penale? Ho capito bene?

      • Bryan Bailey

        la caparra e stata data alla proprietaria e non la prendo piu adesso oltre la caparra che ho perso vogliono 500 euro di penale agenzia imm grazie STEFANO

        • Bah…mi sembra strano Bryan. C’è qualcosa che non torna. Se trattengono soldi e ti chiedono il pagamento delle penali vuol dire che non hai mantenuto gli accordi presi o ci hai ripensato. Da come l’hai scritta non mi sembra il tuo caso. Prova a parlarne con un legale.
          Stefano

  • Luigi Auriemma

    Buongiorno, sto per stipulare un compromesso per l’acquisto di un appartamento con un’agenzia immobiliare. L’agenzia mi ha già avvisato telefonicamente che poiché devo stipulare un mutuo con la banca….mi hanno detto che hanno dei consulenti per il mutuo. Io gli ho risposto di non aver bisogno di alcuna consulenza e di sapere già a quale banca rivolgermi ma mi è stato risposto che se rifiuto la consulenza, all’atto del compromesso la caparra che verserò non può essere vincolata al mutuo mentre se accetto la consulenza può essere vincolata. Mi dicono che la consulenza è gratuita in quanto è un ramo dell’agenzia stessa. A mio parere gratuito non è nulla…al max rientra tra la provvigione da dare all’agenzia. Io mi chiedo, ho già stipulati altri compromessi e questa mi è nuova….ho sempre rifiutato la consulenza e vincolata la caparra…possono non vincolarmi la caparra senza la consulenza???

    • Scusami Luigi del termine che sto per usare, ma scrivo quello che ho pensato: “CAZZATA”.

      Non esiste assolutamente che si rifiutano di vincolare la proposta. Scegli tu come rispondergli tra allora ne compro un’altra, chiediamo al mio avvocato se è veramente così, oppure di metterlo per iscritto e firmarlo, ecc… ti vogliono vendere un servizio non obbligatorio e per il quale noi Agenti Immobiliari non abbiamo diritto di parola.

      Sarebbe falso se ti dicessi che non mi piacerebbe che ogni mio Cliente si appoggi ai nostri partners, ma solo perché so come lavorano e perché ho delle ragionevoli certezze del buon esito della trattativa; detto questo non posso obbligare nessuno a scegliere i miei partners.

      A presto,
      Stefano

  • Massimo

    buongiorno, una domanda, visto che stro trattandoin vendita un immobile, e chiaramente si fanno avanti una miriade di agenzie, io non ho problemi ad aprire casa affinche’ il loro mandato con i loro clienti venga espletato, non mi fido chiaramente delel loro parole che nulla e’ dovuto da parte mia, faccio firmare n contratto in cui in modo molto dettagliato si dichiara che a nessun titolo e per nessuna attivita’ sia dovuto un compenso. chiaramente nonmi fido di nessuno, come dopotutto, tutte le agenzie si presentano tutte con lo stesso modo….premetto che ho un bellissimo annuncio on line ..mi sembra importante far firmare un documento molto chiaro.

  • Massimo

    ciao, sono d’accordo, nel caso avessi un immobile molto appetibile e della giusta misura, molte agenzie si fanno avanti non chiedendo alcuna commissione, io mi tutelo facendo un accordo scritto che in nessun modo l’intermediario che presenta l’immobile ai suoi clienti debba chiedere nulla a me, essendo l annuncio ben promozionata da me on line con tanto di foto

  • Anita Sombrero

    Ciao Stefano. Grazie mille per condividere con noi le tue conoscenze. Il mio coinquilino lascia casa e vuole chiedere alla nuova persona che entra al posto suo (nel contratto), la percentuale corrispondente che hanno pagato 2 anni fa all’agenzia per trovarli casa. A me quello non mi sembra che sia molto legale, anche perché anch’io sono rientrata nel contratto dopo che uno dei ragazzi se ne è andato, e io ho pagato soltanto la caparra, il mese di affitto + piccole spese relative al cambio nome sul contratto e il cambio di nome sulle bollette. Il ragazzo che ha lasciato la camera dove io avito adesso non mi ha mai chiesto la percentuale che hanno pagato loro originariamente all’agenzia, e non mi sembra giusto chiederla, ma non sono una esperta nella materia. Sai a livello legale se questa cosa è normale? Grazie mille per il tuo aiuto e gentilezza. Anita

    • Ciao Anita. No infatti, mi sembra abbastanza logico che la provvigione dell’Agenzia Immobiliare non sia un costo rimborsabile in caso di subentro. Il servizio l’ha utilizzato il tuo coinquilino e non il nuovo e futuro coinquilino.

      A presto,

      Stefano

      • Anita Sombrero

        Grazie mille Stefano. Gentilissimo. Congratulazioni e tanto successo nella tua attività.

  • Alessandro Perrone

    Salve mi sono rivolto alla tecnocasa per l’acquisto di un immobile e fra i tanti visti ne avevo visto uno che non era tra quelli dell’agenzia bensì era privato ma il caso vuole che quello dell’agenzia si sia intrufolato ed mi ha portato a visionarlo senza avere nessun mandato dal proprietario. ora mi chiede 2000+iva per non aver fatto nulla solo una presa visione di cui ho firmato il foglio . mi chiedo se la trattativa è stata fatta in forma privata devo qualcosa all’agenzia anche se non aveva il mandato da parte del proprietario? aiutatemi grazie

    • Ciao Alessandro.
      Il fatto che l’agenzia non abbia il mandato non esclude il diritto alla provvigione.
      Il presupposto deriva, però da un’effettiva attività svolta, che deve essere dimostrata.
      Detto questo, il tuo caso è un po’ complicato perché comunque l’immobile te l’hanno fatto visionare, ma se poi decidi di portare avanti la trattativa da solo, questo diventa un problema tuo, in quanto una tua scelta.
      Come scritto nell’articolo, se non vuoi pagare le provvigioni non devi rivolgerti ad un’Agenzia Immobiliare.

      Stefano

  • Alessandro Perrone

    2000 euro+iva per un immobile di valore 20.000?

    • Purtroppo o per fortuna Alessandro, ognuno applica le proprie tariffe e non sta a me giudicare se il valore richiesto è poco o troppo. Se reputi che sia elevato, fai sentire le tue ragioni con l’Agenzia provando ad ottenere uno sconto.

      Ciao!

  • Alessandro Perrone

    l’immobile lo avevo visto senza agenzia prima e poi mi ci hanno riportato per la seconda volta con agenzia

  • NonAppari Mai

    Salve Stefano,
    ho letto il suo articolo e mi sembra tutto giusto se vivessimo in un paese di onesti, purtroppo non è così e capita spesso che le agenzie immobiliari si approfittino della fiducia del cliente che pagando crede di ricevere un assistenza corretta.
    Le pongo il mio caso in cui ho visionato l’appartamento tramite agenzia e nel momento in cui volevo fare l’offerta mi è stato proposto di firmare il famoso modulo di “Offerta di acquisto immobiliare” nel quale mi sarei impegnato a pagare le provvigioni nel caso in cui questa offerta venisse accettata(non a rogito o compromesso); a questo punto mi sorgono una serie di dubbi…il più importante è che sul modulo era scritto che il venditore dichiarava una serie di cose (esenza da ipoteche, conformità edilizie, ecc…)ma secondo me sarebbe l’agenzia a dover verificare visto che viene pagata, altre condizioni non venivano neppure citate come il bilancio condominiale… A questo punto chiaramente mi sono rifiutato di firmare (facendo andare su tutte le furie l’agente) e ho chiesto un incontro con il venditore per accordarci sul prezzo senza dover impegnarmi a pagare provvigioni a mio parere non dovute per ora. Scusi se mi sono dilungato ma oltre a un suo parere su quanto supra descritto ho una domanda che vorrei porle a proposito di pagare o meno le provvigioni: se l’agente immobiliare ha ricevuto l’incarico di vendere è tenuto al pagamento delle provvigioni anche dalla parte acquirente nel caso venga concluso l’affare? ho letto alcune sentenze della cassazione sul discorso della mediazione atipica e mi piacerebbe avere un suo parere.
    Ringrazio in anticipo della disponiblità e le faccio i complimenti per il blog.
    Buona giornata

    Giuliano

  • Godar Stalli

    Buongiorno Stefano,
    Ho letto l’articolo e mi sembra veramente interessante. Voglio descriverle la mia situazione e vorrei una sua opinione.
    Ho visionato circa 1 anno fa un appartamento (bilocale) con una agenzia immobiliare che ha poi gestito la trattativa con il costruttore. La trattativa non è però andata a buon fine.
    Quest’anno ho acquistato autonomamente dallo stesso costruttore e nello stesso stabile un appartamento diverso (un quadrilocale) che l’agenzia non mi aveva al tempo proposto, non mi aveva fatto visionare e del quale non ha in alcun modo gestito la trattativa di vendita.
    Adesso l’agenzia mi chiede comunque la provvigione sull’appartamento che ho individuato, visitato e acquistato autonomamente.
    Le sembra legittimo? Ma soprattutto le sembra corretto?
    Mi piacerebbe molto avere un suo parere.
    Grazie mille

    • Ciao!
      Mi fa piacere che abbia apprezzato il mio articolo. 😀

      La tua situazione è abbastanza controversa per certi aspetti, in quanto tecnicamente l’Agenzia Immobiliare non ti ha proposto il medesimo appartamento, però è pur vero che ti ha messo in contatto con il proprietario.

      Onde evitare problemi io sinceramente cercherei di trovare un accordo con l’Agenzia Immobiliare per un riconoscimento, mettendo sul piatto il fatto che l’appartamento è un altro e non hanno gestito la trattativa.

      Credo che sia la soluzione più corretta per tutti e di buon senso.

      Stefano

  • Giovanni La Rocca

    Buongiorno Stefano, vorrei un tuo parere per capire se sono stato fregato dall’ agente immobiliare o posso ancora far valere le mie ragioni.
    Siamo due studenti in cerca di un appartamento in affitto e, rivolgendoci ad un agenzia immobiliare, ne troviamo uno adatto alle nostre richieste. Nel momento in cui decidiamo di fare un’ offerta, l’agente fa firmare al mio coinquilino (intestatario della proposta) un foglio in cui viene riportato l’importo della provvigione da versare al momento della stipula contrattuale. Visto che la provvigione è stata calcolata su un canone annuo superiore a quello che il locatore ha successivamente accettato, possiamo pretendere un abbassamento della provvigione o quella firma del mio coinquilino è vincolante? Grazie in anticipo

    • Ciao Giovanni.

      Le provvigioni solitamente vengono espresse in percentuale e quindi al variare del canone di locazione accordato, variano anche loro.

      Se sono state espresse con un valore prestabilito (tot euro), allora vale quell’accordo.

      Stefano

  • Jolanda

    Buongiorno, molto interessante il suo articolo. Visto che è del settore, le voglio fare una domanda. Ho preso in affitto il 15 ottobre un appartamento, attraverso un agenzia, contratto dal.1 dicembre. Dopo 3 giorni andando di giorno a prendere delle misure ci siamo accorti che in una camera sul soffito c’erano delle grandi stuccature, fatte abbastanza male. Ci siamo informati con i precenti inquilini e ci dicono che c’erano stati infiltrazioni dal terrazzino superiore che non scaricava l’acqua. Sentiamo l’agenzia che dice che non era al corrente della cosa. Ci incontriamo in agenzia con il proprietario e chiediamo che vengano fatti dei lavori per sistemare la situazione prima che noi entriamo nell’appartamento (1 dicembre) il quale si rifiuta, dicendo che non c’è niente da sistemare. Chiediamo l’annullamento del contratto. Il proprietario ci restituisce la.cauzione ma l’agenzia non vuole restituire la commisione. Le sembra corretto che l’agenzia tenga cmq la commissione anche se la casa che ci ha trovato presentava dei vizi occulti? Commissione per cosa? Per averci fatto perdere un casino tempo e averci creato tutti questi disaggi? L’agenzia ha detto che ci trova un altra casa, ma al momento non abbiamo visto altro e dal 1 dicembre dobbiamo lasciare la casa attuale. Lei cosa ne pensa?

    • Grazie Jolanda per l’apprezzamento.
      Per i cosiddetti vizi occulti, ne risponde direttamente la proprietà come giusto che sia.
      Se è palese che l’Agenzia Immobiliare è in buona fede non è corretto “tirarla in ballo”, ma è buona cosa che venga almeno informata; in caso contrario, qualora si è in grado di dimostrare la malafede ovviamente cambia tutto.
      In questo caso reputo personalmente che la commissione sia dovuta e che l’eventuale mancanza sia del proprietario (comunque da accertare da quanto mi scrivi). Se il vizio occulto venisse confermato (per l’esattezza andrebbe incaricato un perito), oltre alla restituzione sarebbe dovuto nei tuoi confronti anche un risarcimento danni per la risoluzione anticipata del contratto e per le spese da te sostenute (compresa la commissione dell’Agenzia Immobiliare).
      Quindi non mi sento di condannare l’Agenzia Immobiliare, ma anzi mi sembra un gesto cortese quello eventualmente di offrire il proprio aiuto per trovare una nuova abitazione tenendo conto della situazione che si è venuta a creare.

      Stefano

      • Jolanda

        Grazie Stefano della risposta. Ma uno fa affidamento all’agenzia anche per non prendere fregature..e invece…se il ruolo dell’agenzia inizia col farti vedere una qualsiasi casa e finisce con farti firmare un contratto allora è un ruolo a mio parere molto esiguo che non giustifica il compenso che prende…grazie.

        • Cara Jolanda, a parer mio questa non mi sembra una fregatura.

          “Si intendono per vizi occulti, quei vizi che si manifestano in un momento successivo alla consegna o che non possono ritenersi facilmente riconoscibili, perché richiedono un esame accurato del bene con l’impiego di nozioni e mezzi tecnici particolari”.

          Quindi che colpe ne ha in questo caso l’AI?!

          Grazie a te.

          Stefano

  • Marco Cicchetti

    Salve, vorrei porle la mia avventura.
    Circa 6 mesi fa, con la mia compagna ci siamo recati in un agenzia immobiliare per chiudere informazioni su delle case in vendita, la titolare ci ha fatto una panoramica delle disponibilità dell’agenzia e solamente una risultava consona alle nostre richieste.
    Sto parlando di una porzione di trifamiliare in costruzione (premetto che su internet e nei giornali locali c’era la vendita senza agenzia, ma direttamente con il costruttore).
    Nel momento della visita, non c’erano case disponibili, in quanto tutte vendute, ma una era ancora incerta, in quanto fermata con caparra, ma legata ad un anta vendita dei possibili acquirenti. Beh quella vendita Non andò a buon fine ed un costruttore mi contattó chiedendomi se fossi ancora interessato. Dopo aver espresso la mia volontà legato all’acquisto della casa andiamo avanti nell’iter legato all’acquisto.
    Durante questo periodo non ho mai ricevuto chiamate da parte dell’agenzia.
    Dopo il rogito la proprietaria dell’agenzia comincia a chiamare insistentemente, senza mai ricevere risposta data l’incompatibilità di orari.
    Oggi riusciamo a parlare al telefono e la signora mi chiama per dirmi che devo pagare l’agenzia perché casa è stata vista grazie a lei.
    Sono io nelle condizioni per non pagare un servizio che fondamentalmente non c’è mai stato?
    Grazie in anticipo.
    Un saluto.
    Marco

    • Buon pomeriggio Marco.
      Ma come faceva il costruttore ad avere i vostri contatti visto che eravate dei clienti dell’Agenzia Immobiliare?

      • Marco Cicchetti

        Una nostra collega nonché amica ha acquistato un porzione di trifamiliare proprio accanto a quella che ora è la nostra casa, e sapendo che la casa in questione non ha avuto esito positivo nella compravendita ci ha messo in contatto con il costruttore.

        • Capisco.

          Comunque Marco ogni caso è particolare perché bisogna sempre analizzare se c’è stata malafede: da parte del costruttore che anziché contattare l’Agenzia Immobiliare per comunicare l’esito della trattativa ha cercato i vostri contatti; se il costruttore sapeva che voi avevate visto la casa; se l’Agenzia Immobiliare gli aveva comunicato il vostro nominativo; perché l’Agenzia Immobiliare non vi ha contattato una volta che ha saputo che la trattativa non era andata a buon fine; l’Agenzia Immobiliare era stata informata che la trattativa non era andata a buon fine?…ecc…

          L’unica cosa certa è che voi sapevate che la casa ve l’aveva fatta visionare l’Agenzia Immobiliare e avete deciso di non contattarla una volta venuti a conoscenza che era tornata disponibile; se la casa lo era, a suo tempo quando l’avevate visionata, la trattativa la portava avanti l’Agenzia…

          Stefano

  • nickslay

    Buongiorno, a due mesi dalla conclusione di un incarico per la vendita del mio immobile, l’agenzia mi presenta una proposta da parte di un proponente che offre una cifra seppure inferiore che a me sta bene. L’agente mi dice che il proponente vuole rogitare nello stesso mese perché vuole utilizzare una istruttoria di mutuo già aperta per altro immobile per cui non e riuscito a concludere. Io accetto la proposta con la clausola di consegna a 3 mesi dal rogito non ricevendo ancora l’assegno a garanzia in quanto l’agente deve proporre la mia clausola. Ora cosa mi devo attendere ? che qualcosa vada storto e l’agenzia esiga lo stesso i costi di mediazione ? non vorrei essere fregato… che sia tutta una farsa per prendere i soldi. Posso esigere l’assegno tra l’altro anche se e’ scritto che verra versato all’accettazione non e’ indicato alcun importo….. non e’ che mi danno 200 euro e poi me ne chiedono 4000….. come posso difendermi ?

    • Buon pomeriggio.
      Se i clienti non accettano la tua controfferta e la proposta non va a buon fine, su che base chiedono le provvigioni?!
      Stefano

  • nickslay

    Buonasera Stefano,
    a due mesi dalla conclusione di un incarico per la vendita del mio immobile, l’agenzia mi presenta una proposta da parte di un proponente che offre una cifra seppure inferiore che a me sta bene. L’agente mi dice che il proponente vuole rogitare nello stesso mese perché vuole utilizzare una istruttoria di mutuo già aperta per altro immobile per cui non e riuscito a concludere. Io accetto la proposta con la clausola di consegna a 3 mesi dal rogito non ricevendo ancora l’assegno a garanzia in quanto l’agente deve proporre la mia clausola. Ora cosa mi devo attendere ? che qualcosa vada storto e l’agenzia esiga lo stesso i costi di mediazione ? non vorrei essere fregato… che sia tutta una farsa per prendere i soldi. Posso esigere l’assegno tra l’altro anche se e’ scritto che verra versato all’accettazione non e’ indicato alcun importo….. non e’ che mi danno 200 euro e poi me ne chiedono 4000….. come posso difendermi ?

  • Steocx

    si ma mi fai capire perché vi devo pagare sia per vendere che per comprare?considerando che io che compro sono obbligato a venire da te,e quindi non è una scelta,io 10000€(quando va bene) me li strasudo per poi farvi arricchire! più il 90% dei tuoi colleghi hanno una professionalità di una trota e questo spiega il perché di tanti giovanissimi agenti che si buttano allo sbaraglio,sarebbe corretto(ma in questo paese di furbetti) pagare solo quando si vende(al massimo viceversa) quando compro su ebay non pago nessuna provvigione,al contrario di chi vende che paga la vetrina di ebay,questo sarebbe onesto! e vi va bene che viviamo in un paese di ignoranti in quanto basterebbe presentare la documentazione necessaria da far visionare al compratore.

    • Ciao!

      Se un professionista non riesce a trasmettere il valore del proprio lavoro, cosa posso farci?!
      Aggiungo, però che ci sono altrettanti casi in cui, invece, i Clienti hanno voluto fare i furbetti scavalcando l’Agenzia Immobiliare senza neanche dare la possibilità di dimostrare il proprio operato oppure a me stesso è capitato di salvare (nel vero senso della parola) Clienti dal pagamento di penali salate a causa della loro inadempienza e non ho ancora visto 1 Euro. Il mondo è pieno di furbi e di millantatori e non mi sembra corretto ridurlo ad una semplice categoria.

      Ciao.

      Stefano

  • Teo

    Buongiorno Stefano, vorrei esporle la mia situazione per capire se devo passare dall’agenzia per l’acquisto dell’immobile o no.
    Settimana scorsa sono andato a visionare un appartamento con l’agenzia. Al termine della visita siamo andati in ufficio per metterci d’accordo su quando rivederci per parlare dei prezzi dell’immobile e del compenso dell’agenzia.
    Dopo qualche giorno ci siamo rivisti per parlare più in dettaglio dell’appartamento. Ho firmato un foglio con il dettaglio dei costi dell’immobile ma l’agente, non vedendomi troppo convinto sulla tipologia di appartamento proposto, mi ha consigliato una serie di appartamenti che dovranno essere costruiti nei prossimi mesi con consegna Q3/Q4 2018. Mi ha mostrato le planimetrie e mi ha assicurato sulla solidità dell’impresa costruttrice.
    Detto questo volevo sapere se posso andare direttamente dall’impresa o se a questo punto sono vincolato all’agenzia (so che ce ne sono altre che trattano gli stessi immobili). Inoltre ho in famiglia ho diversi architetti che sarebbero in grado di accompagnarmi nell’acquisto dell’immobile e nelle eventuali modifiche da compiere sul progetto iniziale.
    Grazie mille
    Matteo

    • È abbastanza scontato che tu debba proseguire con l’Agenzia Immobiliare.

      Stefano

      • Sa

        Buonasera, volevo togliermi una curiosità. Qualche mese fa ho trovato su in sito un appartamento che sono andata a visionare tramite agenzia, una volta visionato ho firmato il foglio ma mi sono detta non interessata all’appartamento in quanto il prezzo per quello che avevo visto mi sembrava elevato. Pra ho trovato sempre la stessa casa ad un prezzo inferiore di 13.000 euro, ma questa volta vendito senza agenzia. Ma l’agenzia potrebbe comunque pretendere una provvigione anche se tramite loro non ha mai avuto interesse e mai fatto proposta d’acquisto?

  • Simone Perra

    Buongiorno Stefano,
    da qualche mese ho pubblicato sul web l’annuncio di vendita di un terreno agricolo di proprietà di mia madre, dietro sua specifica richiesta. Premetto che non abbiamo mai avuto nessun contatto con nessuna agenzia immobiliare, mai, ne io ne i miei familiari.
    Ora, una signora mi chiama perchè interessata al terreno e mi chiede nel dettaglio alcune informazioni a riguardo, questa signora sta cercando sia per conto suo sia tramite agenzia. Dopo qualche giorno la signora mi richiama chiedendomi se avevamo messo lo stesso terreno in vendita tramite agenzia, cosa che non abbiamo mai fatto. Facendo le opportune verifiche con la signora scopriamo che il nostro terreno è tra le opzioni che l’agenzia le ha proposto e, a detta sua, ora lei è vincolata da contratto che le impedisce di acquistare per conto suo qualsiasi terreno che le hanno proposto (tra cui il nostro).
    La mia domanda è questa: può un’agenzia proporre ai suoi clienti un terreno di nostra proprietà, non avendo assolutamente l’autorizzazione da parte nostra? questa pratica è legale? Adesso noi ci ritroviamo impossibilitati a vendere il nostro terreno alla signora perchè lei ha firmato un contratto dove si è impegnata a non comprare se non tramite l’agenzia….e l’agenzia non ha assolutamente nessun tipo di autorizzazione da parte nostra.
    Prima di fare qualsiasi cosa stiamo valutando ogni ipotesi in modo tutelare i nostri interessi. Ogni consiglio è ben accetto, grazie e complimenti per il blog

    • Grazie Simone dei complimenti.
      Questa pratica che usano alcune agenzie immobiliari mi fa alquanto innervosire.
      Purtroppo è successo pure a me di segnalare ad alcuni proprietari la messa in vendita del loro immobile senza averne mai autorizzato la pubblicazione.
      Ti suggerisco di contattare un avvocato e magari di far scrivere una bella letterina imputando a loro eventuali danni per una potenziale mancata vendita dato che non sono mai stati autorizzati a promuoverne la vendita.
      Stefano

  • Mixy

    Buongiorno Stefano,
    vorrei un suo parere sulla mia esperienza che le racconto brevemente.
    Circa un mese fa ci siamo rivolti ad un’agenzia immobiliare per visionare alcune case che ci interessavano. La titolare, oberata di lavoro, ci dà appuntamento 10 giorni dopo per vedere alcune case già pronte e una appena finita di costruire in una certa zona. Incuriositi ci rechiamo nella zona per vedere se riusciamo a vederla prima dei 10 gg (per capire da fuoribordo se potesse fare al caso nostro). Girando alla ricerca della famosa casa (non trovata) ci imbattiamo nel cartellone di un costruttore appeso ad una rete che circonda un lotto di terreno. Io e mio marito decidiamo di chiedere se ha intenzione di costruire in quel lotto (avevamo valutato che potevamo anche pensare all’opzione di comprare casa “sulla carta”).
    Il costruttore si dimostra ben disposto ad illustrarci alcuni progetti e a venirci incontro ance su nuovi progetti e prezzi in base alle nostre personali esigenze. Prendiamo quindi appuntamento e viene fuori che l’agenzia con la quale avremmo avuto appuntamento di li a poco si occupa di vendere anche le nuove villette in costruzione, e il costruttore ci dice che probabilmente ci chiederà la provvigione.
    Premettendo che non siamo certo le persone che si tirano indietro a pagare agli agenti quanto dovuto, anzi ci eravamo rivolti a lei anche per la casa in cui siamo in affitto, ma mi domando se in questo caso siamo obbligati a pagare la provvigione avendo chiamato noi personalmente il costruttore proprio nell’ottica di un acquisto da costruttore e sulla carta.
    Ps: all’incontro con il costruttore abbiamo poi scoperto che la casa
    Che dovevamo vedere con l’agenzia l’aveva vendita lui stesso la sera prima e, di conseguenza, l’appuntamento per quella casa con l’agenzia sarebbe comunque saltato.
    Grazie per un suo parere in merito

  • Alessia Grasso

    Buongiorno
    Io ho preso una casa in affitto, tramite agenzia che quando mi ha portato a vedere l’immobile mi ha elencato tutti i “comfort” come normale amministrazione per appetirmi la casa elencandomi lavastoviglie, lavatrice di ultima generazione omettendomi che esse scaricavano direttamente in giardino!
    Queste sono cose che ho lasciato correre io stessa di mio buon cuore per non allungare i tempi per entrare in casa dato che dal 1° di marzo (Giorno in cui ho stipulato un normale contratto con l’agenzia) al 10 ancora saltavano fuori queste “stupidaggini” CHE RIPETO IO HO VOLUTO LASCIAR CORRERE!
    Non voglio parlare delle 2 settimane di lavoro che ho perso perché la casa non era mai stata pulita, e premetto che in queste 2 settimane non ho mai dormito in casa!
    Finché il 12 Marzo entro in casa accendo il camino e per poco ci rimango secca perché le travi del tetto in legno hanno iniziato a bruciarsi dato che la canna fumaria del camino non era stata fatta a norma (cosa sempre che ho saputo dopo).
    Ora io successo tutto il casino ho chiamato l’agenzia l’ho fatti venire sul posto hanno visto, pompieri e i vigili urbani e ha anche avuto il coraggio di dirmi che lui i controlli li aveva fatti e che non mi avrebbe reso un centesimo.
    Ovviamente io credo di aver ragione ho preteso dall’agente i miei soldi (attenzione non i mesi anticipati) ma ho voluto ASSOLUTAMENTE il compenso dell’agenzia in quanto SECONDO ME non aveva fatto il proprio lavoro cioè controllare la casa prima di affittarla.
    Grazie in anticipo spero risponderà qualcuno!

  • Il gelataio

    Gentile Stefano, personalmente rispetto il lavoro di tutti, purche sia onesto!
    Tuttavia trovo che il settore legato agli agenti immobiliari sia normato malissimo, a tutto svantaggio dei clienti.

    Roporta la mia esperienza milanese. In media le agenzie richiedono tra il 3 e il 4,5% + IVA dell’importo di vendita (in caso di acquisto casa).
    Facciamo due conti rapidi: casa da 100-120 mq in zona semicentrale a Milano…costo 500k euro. Costo intermediazione (ipotesi del 3,5%) oltre 21k. Signori 21K da pagare all’atto del compromesso… quindi senza garanzie di affare chiuso.

    Se l’immobile dovesse essere non vendibile per vizi burocratici o normativi… io potrei trovarmi nella condizione si spendere 21K per non avere nulla in mano, solo perchè qualcuno mi ha promesso in vendita un immobile NON vendibile. Di cosa parliamo? In quale lavoro si viene pagati pur non producendo alcun risultato? In quale lavoro chi vende non ha la responabilità di cosa vende e non ha l’obbligo di accertare la vendibilità del bene? Eppure si incassano 21K…e più!

    • Se non ricordo male la professione che percepisce un compenso senza nessuna garanzia sul buon esito credo sia l’Avvocato. A parte questo…comunque una delle responsabilità dell’Agente Immobiliare è verificare che nulla osti la conclusione dell’affare. Se l’immobile non dovesse essere vendibile per vizi burocratici o normativi mi sembra abbastanza normale che l’affare salti e di conseguenza anche la provvigione…di cosa stiamo parlando?!

  • Valerio Speranza Graziosi Fran

    Buongiorno

    • Purtroppo può capitare. Per pubblicare gli annunci immobiliari, noi Agenzie Immobiliari utilizziamo uno o più gestionali immobiliari che poi pubblicano gli annunci direttamente nei siti indicati.
      Se la connessione tra gestionale e portale non è allineata perfettamente, potrebbe verificarsi questo disguido. A noi è capitato più volte e nonostante facessimo la cosa presente non c’era verso di sistemarlo.
      Spesso capita anche con la rimozione degli annunci…ahimè.
      Ciao.
      Stefano

  • teresa

    Buongiorno,
    articolo molto interessante che condivido pienamente.
    Aggiungo che sino ad ora ho fatto diversi acquisti, e, per quanto sia architetto ed esperta nel settore, ho sempre scelto di guardare immobili proposti da agenzie, in quanto così mi sentivo tutelata dalla loro esperienza e conoscenza a largo spettro in materia. Vi sottopongo, ora, la situazione in cui mi trovo , perché vorrei avere un parere il più possibile obiettivo.
    Ho intenzione di acquistare un determinato immobile e mi rivolgo all’agenzia di pertinenza, che me lo mostra e che mi fa incontrare i proprietari, con cui raggiungiamo un accordo sul prezzo. A quel punto l’agenzia illustra anche il prezzo della provvigione che, in considerazione del prezzo dell’immobile sotto cuna certa cifra è fisso, e è di circa 1500euro. Evidenzia anche se mi fossi “tirata indietro” avrei dovuto pagare la loro provvigione comunque aggiungendo anche quella che spetterebbe al venditore. Sinceramente non me ne preoccupo molto visto che non ho alcuna intenzione di cambiare idea. Fissiamo un appuntamento dal notaio e solo in quella sede ci viene detto, dall’assistente del notaio prima, dall’agenzia poi, e ribadito dal notaio, che l’immobile è accatastato con riserva. L’agenzia ed i venditori ci spingono ad acquistare ugualmente con l’impegno che a posteriori sistemeranno il problema con il catasto, ma il notaio ferma la vendita. Il venditore si impegna a sistemare i documenti e a farci sapere per tramite agenzia. Da allora non abbiamo aggiornamenti nonostante abbiamo più volte contattato l’agenzia. Ora, secondo me, la conoscenza della storia e della situazione attuale dell’immobile, tra cui le informazioni catastali, dovrebbero essere la base su cui si muove il lavoro di un’agenzia… mi chiedo perché è stato messo in vendita un immobile “non vendibile”? possibile che l’agenzia non lo sapesse? e se lo sapeva perché non mi ha informato? Io ho l’impressione che sia stato fatto un lavoro disattento, e temo che non sia stata incompetenza (che già mi sembra grave) ma proprio volontà, in quanto contavano di effettuare la vendita con la postilla che le carte sarebbero state messe a posto poi…. ma se, nonostante nessuno sia stato pogato, nessuno (né venditori né agenzia si muove), quando mai avrei avuto i documenti a posto se avessi accettato le loro condizioni? Fermo restando che il notaio si è opposto? Aggiungo che questa situazione mi sta portando un danno economico, perché ho in affitto un deposito ed avevo assicurato che l’avrei liberato, poi sono tornate indietro, e quindi sto pagando altri mesi, in più comunque a breve lo devo liberare e rischio di dover fare un trasloco in un altro deposito in affitto (da trovare tra l’altro)… quindi altre ai costi aggiuntivi non previsti che tempo e stress… se solo fossi stata informata della situazione non penso mi sarei mai imbarcata n un simile problema… perché l’agenzia non mi ha avvisato? Lei lo ritiene un comportamento professionale? Sinceramente io sto cominciando a valutare che un simile “servizio” non valga certo 1500 euro…grazie mille

  • Danilo Cannatà

    Salve Stefano,
    gradirei avere una sua opinione in merito alla mia vicenda…
    Ho trovato online un annuncio di un’agenzia immobiliare di un appartamento che poteva essere di mio interesse quindi ho contattato l’agenzia e ci siamo recati a visionare l’appartamento. Da annuncio l’appartamento veniva venduto semiarredato con cucina e bagni arredati ed anche quando siamo andati a vedere l’appartamento l’agente immobiliare ha sottolineato che la cucina ed i mobili del bagno sarebbero rimasti…dopo una settimana ci siamo recati in agenzia ed abbiamo fatto una proposta al venditore (n.b. nella proposta non veniva fatto riferimento al mobilio ma solo alle caratteristiche/composizione dall’appartamento, camera, cameretta, bagni, cucina, ecc..)…dopo un’altra settimana mi chiama l’agente immobiliare e mi dice che la proposta è stata accettata senza aggiungermi altro…dopo un mese e mezzo, una volta accettato il mutuo e poco prima di vedermi col proprietario dell’appartamento, l’agente immobiliare mi dice che il proprietario porterà con se tutti gli arredi (lasciando quindi anche i bagni privi di rubinetti e lavabo)…Secondo lei è ammissibile tutto ciò??…Il mio presentimento e che l’agente mi abbia preso in giro, anche perchè senza mobilio avrei sicuramente fatto una proposta d’acquisto più bassa (l’annuncio diceva espressamente che l’appartamento veniva venduto semiarredato)…Mi sa dire se mi posso avvalere di qualcosa prima di firmare il preliminare??
    Grazie in anticipo per il consiglio…

    • Buon pomeriggio Danilo.

      È buona norma scrivere che l’immobile viene venduto “libero da cose e persone” altresì è buona norma scrivere invece quando parte dell’arredo rimane o addirittura parte del prezzo.

      Se non è stato scritto nulla purtroppo non puoi fare molto, però quantomeno potresti chiedere delucidazioni in merito all’Agente Immobiliare oltre a cercare di trovare una soluzione.

      Una volta mi è successo che dopo l’atto, l’acquirente recatosi nell’immobile appena acquistato, aveva scoperto che il venditore aveva smontato l’impianto di condizionamento e ricambio dell’aria. L’immobile era disposto su due livelli, piano terra e seminterrato e quest’ultimo era reso agibile grazie anche alla presenza di tale impianto.
      Il venditore oltre all’impegno preso nell’accordo di vendita, ovvero che tale impianto fosse compreso, sarebbe stato anche passibile di denuncia penale in quanto la rimozione dell’impianto avrebbe reso non abitabile il piano seminterrato rendendo falsa la dichiarazione resa in atto in merito all’abitabilità. Ovviamente l’ha rimesso…

      Stefano

  • Silvana Palombo

    Buongiorno, ci siamo recati per una proposta d’affito presso una’genzia immobiliare per visionare un alloggio. Ci hanno fatto lasciare a titolo di cauzione un assegno di 600 euro. Nella promessa di locazione viene scritto che alla stipula del contratto dovevamo versare due mensilità alla proprietà e due mensilità a titolo di provvigione per l’agenzia. Il contratto non è stato più fatto perchè nel frattempo sono rimasta senza lavoro e non potevo più permettermelo. L’agenzia si è trattenuta l’assegno e vuole anche una mensilità per il disturbo. Ma non era scritto così sul foglio!!!!! Cosa devo fare?

  • marco

    Salve, ho visionato un’appartamento con un’agenzia immobiliare per questo appartamento non ho firmato nessun foglio di presa visione, dopo 2 giorni chiamo all’agente per dirgli che ero intezionato a fare una proposta d’acquisto di euro 150000 l’agente si rifiuta di farmela fare, contatto privatamente il propretario e ci mettiamo d’accordo su quella somma , la mia domanda che pongo devo pagare l’agenzia immobiliare?

    • Buongiorno Mario.
      È stato un errore grave da parte dell’Agenzia Immobiliare non ritirare la proposta di acquisto, ma non per questo potresti non avere problemi nell’acquisto. Ti consiglio di far chiamare l’Agenzia Immobiliare dal proprietario chiedendogli di ritirare la proposta di acquisto sui termini di cui avete discusso. Scavalcarla non è la soluzione ideale…

  • Natali Mikhline

    Buongiorno!
    Abbiamo firmato la proposta per il aquisto di appartamento, e nella proposta e scritto, che dobbiamo ricevere dalla banca mutuo per la summa di aquisto, percho non abbiamo niente soldi da parte, siamo una famiglia giovane. Ma la banca da solo 80%, e non possiamo trovare un altro finanziamento, abbiamo chiesto piu di 8 banche. Adesso, purtroppo, non possiamo aquistare la casa, e l’agenzia vuole le proviggioni di piu di 3000 euro! Cosa dobbiamo fare adesso?

    • Buon pomeriggio a te Natali.

      Se c’è scritto nella proposta di acquisto che l’acquisto della casa era vincolato al mutuo, l’agenzia non ha diritto alla provvigione.

      Per quale motivo chiedono provvigioni?!

      Stefano

      • Natali Mikhline

        Loro hanno detto (abbiamo chiesto 2 o 3 volte!!) che le provvigioni paghiamo solo dopo compromesso fatto. Ma loro hanno messo nel tutti fogli che abbiamo firmato il foglio molto strano, che dobbiamo pagare subito. Ma nella proposta e scritto altro (che tutto dipende alla mutuo e finanziamento che non abbiamo ricevuto). Ma loro dicono, che anche se riceviamo 1% mutuo e non 100%, dobbiamo pagare a loro lo stesso.

  • Isotta Costanzi

    Interessante articolo!vorrei chiederle un parere..ho lasciato un biglietto nel portone del mio condominio x cercar casa da comprare a mia mamma e sono stata contattata da un’agenzia che detiene un’immobile…in questo caso la provvigione spetta comunque anche se non stata io a rivolgermi a loro?grazie mille

    • Buongiorno Isotta.
      La provvigione spetta se decidi di utilizzare i loro servizi 😉
      A presto,
      Stefano

  • Annalisa Locatelli

    Buongiorno, passeggiando per le vie del mio paese ho notato una casa in vendita. Premetto che lavoro in uno studio notarile da 11 anni e quindi ho le conoscenze necessarie per condurre la trattativa e per istruire la pratica. Detto questo, il mio “problema” nasce dal fatto che il cartello “VENDESI” riporta nome e numero di telefono di un’agenzia di mediazione. Io non voglio avvalermi della mediazione. Ritengo che, anche se il venditore si stia avvalendo della sua opera, io non sia obbligata ad avvalermi. Posso capire se mi rivolgessi all’agenzia chiedendo un appartamento con una serie di requisiti e l’agenzia mi mostrasse le case con i requisiti da me richiesti. In questo caso il cartello avrebbe potuto esporlo il venditore
    direttamente, nel senso, non vedo perchè la scelta del venditore di avvalersi debba comportare necessariamente un costo anche per me. Cosa mi consiglia per questa situazione? Grazie mille.

  • Michela Magris

    Buon giorno, vorrei un consiglio. Premetto che ho comprato e venduto diverse case sempre avvalendomi dell’aiuto dell’agenzia e che un mio parente stretto è agente; massimo rispetto,quindi per questa figura. Come faccio, però, se ho contattato un’ agenzia per visitare un immobile a distanza di un mese e questo non mi ancora risposto? Ma soprattutto, cosa faccio quando sto vendendo un immobile e la gente che mi ha portato due acquirenti interessanti è un incapace completo? Perché devo pagargli la provvigione se devo continuamente corrergli dietro, se io devo fare il mediatore con gli acquirenti, se non mette mai una buona parola per unire anzi parla per dividere? Se non è in grado di smontare le eventuali critiche? Perché devo pagarlo se fa male il suo lavoro? Grazie mille.

Check Also

L’errore che fanno (quasi) tutti i proprietari di un immobile.

Questo errore lo fanno in molti; oserei dire quasi tutti i Proprietari di un immobile. Scopriamolo insieme e vediamo come possiamo risolverlo.

Cerca

About Me


Ciao, sono Stefano Tronca e sono un Agente Immobiliare. Aiuto gli Imprenditori, mediante la consulenza, a trovare, vendere e locare l’immobile per la propria Azienda. Lo faccio definendo una strategia, creata appositamente per il Cliente.

Iscriviti alla Newsletter

ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMUNITY!

Riceverai comodamente nella tua casella di posta elettronica i nuovi Articoli e non solo...;)

Odio lo SPAM quanto te. La tua email sarà tenuta al sicuro.